“PASSA IL GIRO DI SICILIA”, DOPO RAGUSA IBLA LE AUTO ARRIVERANNO A VITTORIA

0
383

Grande spettacolo… Un grande spettacolo sulle strade siciliane della XXIX rievocazione storica del Giro di Sicilia by VCCPanormus, che dopo il passaggio nella incantevole Ragusa Ibla, la carovana delle spettacolari e rare auto d’epoca farà tappa nella Città di Vittoria, dove ad accogliere gli equipaggi ci saranno tantissimi amici appassionati, insieme alla locale all’Amministrazione comunale ed alla gradita presenza del caro amico Romolo Buccellato, sponsor e partnership del Giro di Sicilia, con i suo prestigiosi vini “Cantine Romolo Buccellato. Quindi, grande attesa nella cittadina ragusana di Vittoria che vedrà sfilare oltre 250 auto d’epoca, con folte rappresentanze di collezionisti provenienti da diverse nazioni del mondo. Il Consiglio Direttivo tutto del Veteran Car Club Panormus, sodalizio palermitano federato ASI più antico di Sicilia, presieduto da Antonino Auccello, invita tutti gli amici a partecipare nella giornata di venerdì 7 Giugno 2019 (pomeriggio). Un bel momento di passione ed anche curiosità che impreziosirà ancor più la città di Vittoria, importante comune del comprensorio ragusano di circa 64 000 abitanti È, dopo il capoluogo stesso, il comune più popolato di tutto il ragusano, piazzandosi al nono posto in Sicilia. Vittoria è la città più giovane del libero consorzio comunale; e infatti presenta una moderna struttura a scacchiera, con strade larghe e rettilinee.

Il suo territorio si sviluppa sulla piana di Vittoria, affacciata sul Canale di Sicilia, anticamente detta “Plaga Mesopotamica Sicula”, poiché delimitata da due fiumi: l’Ippari e il Dirillo. La città fu fondata su una pianura molto fertile nota come contrada “Boscopiano”. A sud della città si sviluppa la “Riserva naturale Pino d’Aleppo”, lungo il fiume Ippari, fino alla foce. Le coste che si affacciano sul mare sono basse e sabbiose e raramente articolate da scogli. Il punto più alto, anche se scarsamente montuoso, è il monte Calvo (250 metri). Per quanto riguarda i confini amministrativi, Vittoria è sita fra i comuni di Acate e Ragusa, mentre nella parte collinare confina con i comuni di Comiso e Chiaramonte Gulfi. 

Data la modernità della Città, questa ha meno monumenti artistici di altre città della provincia. Si distingue, tuttavia, per la varietà degli stili che caratterizzano alcuni edifici. Infatti Vittoria è ricca di testimonianze dello stile Liberty e Art déco, introdotto dal grande architetto palermitano Ernesto Basile. I palazzi e le case in stile Liberty qui presentano strutture sobrie ed eleganti con sporgenti balconate, balaustre dalla ricca e raffinata decorazione, portali sormontati da fregi con motivi floreali, impreziositi di particolari plastico-decorativi di raro equilibrio compositivo. Tuttavia, sono comunque tanti i monumenti ed i luoghi di interesse storico e artistico della cittadina ragusana, che sicuramente è degna di attenzioni e visita da parte del turista che vuole scoprire le bellezze della meravigliosa Sicilia.

Nel cuore del centro storico della città troviamo il castello “Colonna Henriquez”, costruito nel marzo 1607, sede, dapprima, della contea di Modica, poi carcere, infine oggi Museo civico polivalente. Nei pressi della villa comunale troviamo la “Fontana del Garì”, detta anche “Fonte Garibaldi”. Realizzata nel 1822 dai Frati cappuccini, come abbeveratoio per animali e successivamente anche per i cittadini. Realizzata in pietra di Comiso in stile neoclassico, per volontà di Rosario Cancellieri, nel 1879, fu arricchita da cinque teste di leoni in bronzo e ghisa, dai quali sgorga l’acqua. In piazza “Sei Martiri della Libertà” troviamo un tempietto di forma circolare detto il “Calvario”, costruito nel 1859; esso ospita una cappella adornata da affreschi e costituita da ben otto colonne nella parte superiore, le quali reggono una trabeazione circolare chiusa da una cupoletta. Insieme a queste, anche un territorio meraviglioso, che fanno di Vittoria un abella perla siciliana baciata dal sole e dal mare.

(Comunicato n 21 del 14/05/2019)

www.girodisicilia.it