“PASSA IL GIRO DI SICILIA”, SI CONCLUDE NELLA CITTA’ DI ALCAMO L’EDIZIONE 2019

0
409

di Sebastian Feudale

Definiti gli ultimi dettagli organizzativi  per l’arrivo della XXIX rievocazione storica internazionale ASI – FIVA, del Giro di Sicilia by VCCPanormus, che si concluderà nella cittadina trapanese di Alcamo. Ad accogliere calorosamente nella centrale Piazza Ciullo gli oltre 250 equipaggi delle prestigiose e rare auto storiche provenienti da diverse nazioni del mondo, gli amici della Scuderia del Castello di Alcamo, presieduta da Andrea Piscitello (collaboratori dell’evento per la Città di Alcamo) e l’Amministrazione comunale. Si preannuncia un vero bagno di folla di appassionati e curiosi che dalle ore 11,00 circa, di domenica 9 Giugno 2019, potranno ammirare da vicino l’arrivo della prestigiosa carovana storica. Sarà un grande momento di festa e promozione del territorio ed un grande messaggio di sport e cultura che ancora una volta ha scelto Alcamo e la sua meravigliosa Piazza Ciullo, incantevole location situata nel cuore del centro storico della Città trapanese di Alcamo, che tutt’oggi rappresenta punto d’incontro e di richiamo in occasione di eventi importanti. Tanta emozione per Noi della Scuderia del Castello, che ancora una volta abbiamo la possibilità (grazie al Veteran Car Club Panormus) di accogliere calorosamente le auto del Giro di Sicilia e quindi ospitare l’arrivo – queste le parole del caro amico Liborio La Monica, che ha prestato la sua collaborazione.

La Città di Alcamo, è principalmente conosciuta per il suo vino D.O.C., che viene prodotto nei vigneti del territorio circostante, per il caratteristico melone “purceddu” e per le spiagge di Alcamo Marina, frequentatissime durante la stagione estiva.
Collocata in posizione centrale rispetto al Golfo di Castellammare, regala dei panorami caratterizzati da magnifici orizzonti, che si scorgono ancora meglio dalla meravigliosa riserva naturale e le antiche rovine sul Monte Bonifato che sovrasta la Città, è conosciuta per il suo vino D.O.C. che viene prodotto nei vigneti del territorio circostante, dove si coltiva anche il gustosissimo melone “purceddu”. Nota anche per le meravigliose spiagge di Alcamo Marina, caratteristiche per le dune di sabbia e frequentatissime durante la bella stagione. La compresenza di città, montagna, campagna, spiaggia e mare rende il territorio alcamese pieno di alternative naturalistiche.

Sebbene si ipotizzi che la città di Alcamo venne fondata dagli arabi durante nel medioevo, gli scavi nel territorio circostante evidenziano che già nella preistoria esistevano degli insediamenti nelle vicinanze dell’odierno centro abitato.
Prima dell’arrivo degli arabi, esistevano due villaggi: il primo villaggio, chiamato “Longuro” era posizionato sul Monte Bonifato, dove si si trovano ancora oggi alcune antiche abitazioni, mentre il secondo villaggio, chiamato “Longarico” era posizionato in prossimità dell’attuale centro abitato.
Quando gli arabi arrivarono nel villaggio, lo trovarono semideserto e fondarono così la città di Alcamo, che inizialmente era abitata esclusivamente da musulmani. La città passo successivamente sotto il dominio dei Normanni e dei Svevi. Con il passare del tempo le antiche moschee vennero sostituite dalle chiese cattoliche e del vecchio passato arabo rimasero l’antichissima fontana araba, ancora oggi funzionante, e il nome della città, il cui significato è incerto.

Il centro abitato divenne un feudo ben fortificato, grazie alla costruzione del Castello dei Conti di Modica e alla cinta muraria che circondavano l’attuale centro storico. Nei secoli seguenti Alcamo si sviluppò progressivamente dal punto di vista culturale, sia per quanto riguarda la letteratura (il cui più importante esponente è il poeta Cielo d’Alcamo) sia per quanto riguarda la produzione artistica. Notevoli sono infatti le sculture e le pitture che si conservano all’interno degli edifici religiosi della città, in particolare nella Chiesa Madre, dove è stato allestito appositamente un Museo dell’Arte al fine di raccogliere alcuni di questi capolavori.
I tanti monumenti ed i luoghi di grande interesse storico, architettonico, naturalistico, paesaggistico e culturale fanno della Città di Alcamo una delle più belle perle di Sicilia.

www.girodisicilia.it

(Comunicato n 33 del 23/05/2109)